lunedì, 24 luglio 2017 ore 06:27

Data: 12-07-2017 - 31-07-2017

III° FESTIVAL INTERNAZIONALE "IL ROSETO DELLA MUSICA" 15-22 LUGLIO 2017

Dal 15 al 22 luglio prossimo, il Centro Interculturale Don Giuseppe Torelli e Museo della Memoria di San Pancrazio, nel Comune di Bucine, ospiterà il 3° Festival Internazionale IL ROSETO DELLA MUSICA – Masterclass e Concerti, ideato e realizzato, per il terzo anno consecutivo, dall’Associazione Culturale D.I.M.A. – DoReMi International Music Academy di Arezzo e l’Amministrazione comunale di Bucine.

Il Festival rientra nel progetto dell’Accademia D.I.M.A. AREZZO NEL MONDO, che ha già portato a importanti accordi istituzionali tra la giovanissima realtà aretina e Istituzioni quali il Conservatorio Statale di Musica “B. Maderna” di Cesena, U.N.A. – Universidad Nacional de Las Artes di Buenos Aires (Argentina), l’Università di Playa Ancha di Valparaiso e la Corporación Cultural Viña del Mar (Cile, sotto la cui egida si svolge il Concurso Internacional de Interpretacion Musical “Dr. Luis Sigall", il più importante concorso musicale in America Latina), l’Istituto Universitario Patagonico de Las Artes (Argentina) e il prestigioso Concorso Internazionale di Chitarra “M. Pittaluga” di Alessandria (Italia).

 

Il Festival è articolato in una serie di Masterclass di Alto Perfezionamento musicale e quattro concerti che si svolgeranno in alcune delle località più affascinanti del territorio della Valdambra.

Accanto all’Alta Formazione un largo spazio è riservato agli amatori, ai più piccoli e a coloro che iniziano ad avvicinarsi alla musica attraverso attività orchestrali, musica da camera e lezioni con prestigiosi maestri, offrendo così una grande opportunità di crescita per tutti, a tutti i livelli.

 

Le Masterclass saranno tenute da musicisti di fama internazionale e docenti in prestigiose Istituzioni Europee e Latinoamericane: per la chitarra Omar Cyrulnik (Argentina), docente alla U.N.A. – Universidad Nacional de Las Artes di Buenos Aires; Giorgio Albiani (Italia), docente al Conservatorio Statale di Musica “B. Maderna” di Cesena, Rovshan Mamedkuliev (Azerbaijan/Russia), vincitore del Concorso Internazionale GFA (USA), del “F. Tarrega” di Benicasim (Spagna), del 48° Concorso Internazionale “M. Pittaluga – Città di Alessandria” (ITALIA) e docente al Maimonides State Academy di Mosca, Russia; Luc Vander Borght (Belgio), docente all’Academie de Musique “Ranieri III” del Principato di Monaco. E ancora: dopo il successo delle scorse edizioni tornerà anche Louis Denis Ott (Francia), docente di violino all’Academie de Musique “Ranieri III” del Principato di Monaco. Ma la terza edizione non manca di sorprese e novità: infatti quest’anno il corso estivo in Valdambra apre al canto lirico con il mezzosoprano argentino Marta Blanco docente alla U.N.A. – Universidad Nacional de Las Artes e all’Instituto Superior de Arte del Teatro Colon di Buenos Aires (Argentina), sicuramente una delle voci più interessanti e importanti del Sudamerica; inoltre dal 18 luglio, IL ROSETO DELLA MUSICA 2017 ospiterà la masterclass di clarinetto con Giulio Cuseri, I° clarinetto della Banda della Guardia di Finanza dello Stato e docente all’Accademia D.I.M.A. di Arezzo.

 

Il Concerto di Apertura del 3° Festival IL ROSETO DELLA MUSICA si svolgerà domenica 16 luglio alle ore 21.15 nell’Abbazia di Badia a Ruoti, Bucine (AR); la serata sarà curata dai docenti dell’Accademia D.I.M.A. di Arezzo. Si esibiranno, tra gli altri, DuotanGO – Giorgio Albiani e Omar Cyrulnik, Ensemble Macramè (Giordano Brandini, Antonino Ielo, Serena Meloni, Roberto Rossi) con la partecipazione straordinaria del soprano Alessandra Baroni che presenteranno il progetto “In Moderna Clave: esperimenti sulle corde”, Duo Serena Meloni e Gilberto Russo e il duo Giulio Cuseri e Roberto Rossi (clarinetto e chitarra). Il concerto verrà introdotto dallo storico Claudio Bressan.

 

Il 19 luglio alle 21.15 in Piazza Ubertini di Badia Agnano, sarà la volta di Canzoni e Arie dal Mondo, con il mezzosoprano Marta Blanco e la soprano Francesca Martini, DuotanGO (chitarre) e Giulio Cuseri (clarinetto). Elia Bruttini aprirà la serata con l’introduzione storica sul paese di Badia Agnano.

I concerti proseguiranno poi nella serata di giovedì 20 luglio, sempre alle ore 21.15, nello scenario della Pieve di Galatrona, altro piccolo gioiello del territorio di Bucine presentato nell’introduzione storico-artistica a cura di Elia Bruttini. Nella prima parte del concerto, ARCOPIZZ TRIO – Veronique Sulbout e Luc Vander Borght alle chitarre e Luis-Denis Ott al violino; nella seconda parte, invece, si esibirà il pluripremiato in prestigiosi concorsi internazionali di chitarra Rovshan Mamedkuliev.

Sarà infine il Centro Interculturale Don Giuseppe Torelli e Museo della Memoria di San Pancrazio, la sera di venerdì 21 luglio, a ospitare il Concerto e la Festa di Chiusura del Festival con l’esibizione degli allievi del corso, gli ensemble strumentali e la partecipazione del Gruppo Polifonico “Francesco Coradini” di Arezzo diretto da Vladimiro Vagnetti che, accompagnati dalla chitarra di Giorgio Albiani, eseguiranno Il Romancero Gitano, per coro e chitarra, di M. Castelnuovo-Tedesco.

L’ingresso a tutti i concerti è gratuito.

 

Nella giornata di martedì 18 luglio si svolgerà la Finale del II° Concorso di Chitarra DIMA/DAMus, che permetterà a un giovane allievo del Conservatorio Maderna di Cesena o dell’Accademia DIMA di Arezzo di vincere una Borsa di Studio per un mese di studio all’U.N.A. – Universidad Nacional de las Artes di Buenos Aires (Argentina). Il prossimo anno, il Concorso sarà dedicato al Canto.

 

L’Accademia D.I.M.A. – DoReMi International Music Academy di Arezzo, fin dalla sua nascita ha promosso non soltanto di attività didattiche, artistiche e culturali ma anche attività miranti allo sviluppo di programmi di promozione culturale con enfasi sul turismo e che creino benefici alle città sedi della rispettiva istituzione, e, soprattutto, alla creazione di un’Ambasciata Culturale itinerante di promozione e rispetto dei Diritti Umani in collegamento con organizzazioni votate alla cura di questi importanti valori.

Il Festival è stato realizzato in sinergia e con la preziosa collaborazione del Comune di Bucine (AR). Il luogo in cui si svolgerà è il Centro Interculturale Don Giuseppe Torelli e Museo della Memoria di San Pancrazio, i cui rappresentanti e abitanti contribuiscono significativamente alla realizzazione dell’evento. San Pancrazio è un luogo in cui la Memoria è rappresentata dal suo roseto, da cui il Festival trae il nome e ispirazione.

Un luogo che è stato teatro di una delle più efferate stragi naziste della II° Guerra Mondiale, che in questa settimana diventa la casa di spettatori, docenti, allievi (ragazzi e adulti tra gli 11 e i 30 anni) provenienti da tutta Italia, dal Principato di Monaco, Francia, Messico e Argentina. Proprio qui, l’esperienza dell’arte e della musica, superato l’equivoco della parola, crea accoglienza, ascolto e serena condivisione.

 

 

 Programma completo in allegato

 

 

 


Stampa questo articolo