Sagra della lumaca

II° fine settimana di settembre

Ambra

La lumaca in cucina era apprezzata già dai Greci e dai Romani; nel trattato di Apicio si trovano quattro ricette dedicate alle lumache che egli friggeva ed arrostiva servendole con varie salse. Anche la tradizione culinaria toscana vede la lumaca come protagonista di molti piatti, come dimostrano le molte preparazioni che sono fra i ricordi dei più anziani.

Ad Ambra, secondo borgo del comune di Bucine per abitanti, dal 1981, oltre ai piatti della tradizione si possono degustare le lumache al sugo .Un piatto che proviene dalla cucina “povera” e dalla campagna ma per i veri intenditori è un piatto di alta cucina.

La lumaca ha carni tenere che si prestano a diversi tipi di cottura ed essendo un alimento piuttosto magro è compatibile con le diete ipocaloriche. Inoltre la lumaca contiene molte proteine ed è facilmente digeribile.

In questi giorni di festa i valdambrini e le valdambrine si mobilitano per far sì che si possa assaporare del buon cibo ma anche l’ospitalità e l’accoglienza tipicamente toscane.

La ricetta: lumache al sugo

Tante sono le ricette per cucinare le lumache al sugo; quella di Ambra ha come tutte le ricette della tradizione alcuni ingredienti segreti, tramandati gelosamente tra le massaie valdambrine.

Prima di essere cucinate le lumache devono essere purgate in modo che espellano tutta la sporcizia e la schiuma.

Fate un trito con carota, sedano e cipolla. Far rosolare il tutto con un po’ di olio e il rigatino tagliato a cubetti. Far rosolare le lumache nel soffritto e poi aggiungerci la passata di pomodoro e far cuocere per circa 5/6 ore.

FB https://www.facebook.com/proloco.ambra/

www.prolocoambra.com